7

Lamentele di una Sassenach: “Sono davvero molto felice, Sassone”. Noi un po’ meno.

Eccoci qui, arrivati all’ultima puntata di “Lamentele di una Sassenach”, dove non faccio altro che, per l’appunto, lamentarmi anche delle minime cose. Molto probabilmente ci si “rivedrà” nuovamente l’anno prossimo ma per il momento solo arrivederci. Sperando, ovviamente, che la prossima stagione non ci sia bisogno di me: vorrebbe dire che finalmente Fox e l’intero cast italiano ha capito dove ha sbagliato e ha deciso di rimediare. In caso contrario, sarò con voi a tener compagnia in momenti così atroci.

In questa ultima puntata ci tengo a iniziare con una cosa che non ha nulla a che fare con il doppiaggio pessimo: ciò che i giornalisti dicono di Outlander e non solo. Il titolo più appropriato che io posso dare a questa parte è: Cinquanta sfumature di Schifo.

 

Un articolo su questa meravigliosa serie televisiva circola in Italia del quotidiano “La Stampa”. Il titolo è “Serie tv sempre più violente. L’orrore arriva in prima serata” e come sottotitolo “Polemiche per gli stupri in “Outlander” (maschile) e nel “Trono di spade”.

 

Ora, quante serie televisive, quanti film ci sono con scene gratuite di stupro e sesso? Non si può negare che nei film italiani, specie nelle soap opera, ci siano più queste ultime piuttosto che una vera storia intricata, quindi perché andare a criticare telefilm stranieri dove tutto è spiegato e nulla è gratuito (o quasi)? E nei film ci tengo a sottolineare che si fa anche di peggio e anche in altri telefilm, in quanto a stupro e violenza, si è andati giù pesanti.

 

Parlando di “Games of Thrones”, più volte mi sono espressa al riguardo e chi mi conosce sa già il mio parere ed è negativo. Lo trovo piacevole fino a quando c’è una storia dietro ma che il più delle volte viene sostituita da porno, assassini, stupri… il tutto gratuito. In questa serie televisiva è stata criticata la scena dello stupro a Sansa Stark che, diciamocelo, come si faceva ad aspettarsi una cosa diversa da uno che ha evirato Theon per poi usarlo come cena? Ma siamo sicuri che l’orrore sia proprio una scena che non si vede ma che si immagina solo dai lividi della ragazza nelle puntate successive? E una scena simile di stupro si vede anche in “I pilastri della Terra” così come nell’ormai famosa telenovela “Il Segreto” dove una delle protagoniste viene continuamente drogata e stuprata dal marito, dunque… Non è forse più fastidiosa la scena dove un uomo – non conosco il nome – rifiuta le ragazze nel bordello perché troppo grandi, scegliendo infine delle bambine? Scusatemi ma io trovo più ripugnante una cosa del genere dato che si tratta di pedofilia e non trovo la necessità di usarlo per fare spettacolo. Ma poi, Daenerys non ha fatto caso quando è stata violentata da Khal Drogo giusto nelle prime puntate dove inoltre si è vista l’intera scena. Perché ora sì? Cioè, il Trono di Spade è così: violenza, sesso, intrighi, tradimenti, violenza, sesso, sesso e violenza. Pace. Non credo che tutti diventeranno più buoni se smettono di fare questa serie televisiva. E poi se gli italiani sono così deboli di cuore da non sopportare scene del genere in una serie televisiva dove per di più la violenza è giustificata dal carattere delle persone – perché non siamo tutti buoni – basta non guardarla. De gustibus.

1

Passiamo invece ad Outlander. Davvero popolo italiano, davvero giornalisti… cosa avete da dire a questo telefilm che rasenta la perfezione? Si riportano le polemiche Usa dove ormai si sta facendo un caso mondiale per tutte le cose. Perché non parlano i giornalisti italiani di ciò che pensano gli italiani? Un popolo di bigotti. Giornalisti a cui chiedo se prima hanno letto i libri oppure no. “Violenza che, in flashback, viene mostrata con esplicita crudezza”. Solo perché stavolta, a venir violentato è un uomo e non una donna? Solo perché a venir piegato e spezzato è un uomo grande e grosso? E ben venga! E’ stato scritto del lavoro che c’è dietro quella scena e di certo non è stata presa alla leggera. Come il telefilm rasenta la perfezione, in quanto a tatto nelle scene, bravura, attenzione e dedizione, Sam Heughan e Tobias Menzies non sono da meno. Tobias Menzies soprattutto che, nonostante sia un sadico bastardo, continua a farsi amare. E’ impossibile non farlo, cosa che invece non si riesce con la maggior parte degli attori italiani. Uno fa la parte di un cattivo e BOOM!, segnato a vita. Facciamoci qualche domanda e diamoci pure la risposta. Ma d’altronde siamo in un paese dove non si accetta l’esistenza dell’amore tra persone dello stesso sesso, quindi figuriamoci se è possibile pensare allo stupro di un uomo da parte di un altro uomo.

2

Comunque non sono solo le donne a venir violentate ma anche gli uomini e questa è anche storia (e con un piccolo spoiler ma senza fare nomi, annuncio che ce n’è anche per le donne). Certo, è stata una scena intensa e questa è la terza volta che la vedo – senza sottotitoli, con i sottotitoli e in italiano – e devo confessare che dell’intera puntata la parte che mi ha fatto più male è la scena dove viene tolto il chiodo che bloccava Jamie al tavolo e non di certo la scena in cui lui urla mentre viene violentato. Oppure quando Claire gli aggiusta la mano e si vede l’osso fratturato.

 

Anzi, ringrazio la Gabaldon per aver invertito le parti. Claire è colei che salva Jamie dalla perdizione dopo essere stato violentato da BJ. Claire è colei che salva l’anima del marito dopo che lui desiderava solo morire dopo aver ceduto volentieri il proprio corpo a BJ, e averne tratto piacere. I ruoli si invertono e dico grazie per questo.

 

Non saprei, sarò strana io, ma a mio parere qui non c’è nulla di orrore. Orrore è per chi si vuole coprire gli occhi dinanzi alla realtà quando invece si devono ben aprire. Black Jack è un sadico e dietro c’è una storia d’amore che, per quanto deviata, è pur sempre intensa e io, nonostante tutto, trovo bellissima. Il desiderio di BJ era quello di spezzare Jamie che con tanto fervore si opponeva a lui, in tutto e per tutto, e ci riesce. Vi consiglio di leggere i libri perché è tutto molto più intenso e descritto nei minimi particolari e credetemi, di violenza ce n’è molta di più. Potrei stare a parlare ore al riguardo e già l’ho fatto, con mia madre.

 

Quindi, chiudo questa piccola parentesi facendo una domanda: quanto venderebbe il mondo dello spettacolo senza scene del genere? Perché per me uno stupro, che sia maschile o femminile, tanto quanto il sesso gratuito che il più delle volte sfocia nel porno, sono alla base di ciò che lo spettatore vuole vedere. Si tende a vedere maggiormente sugli schermi solo lo stupro femminile poiché è strano che si parli di quello maschile. Figuriamoci un uomo che viene violentato da un altro uomo. Orrore.

3

Però diciamocelo… è questo il vero orrore? Di questo si fa polemica e si parla di divieti perché ci sono in ballo corpi nudi? E le sparatorie? Gli omicidi uno dietro l’altro? Le stragi? Questo è tutto concesso nelle serie tv e nei film? Suvvia, vediamo di aprire realmente gli occhi e rendiamoci conto di ciò che realmente inneggia alla violenza e cosa invece no. Sono più i film dove la gente muore ammazzata ma non per questo si smette di fare film. Questa è la realtà e non si può essere tutti “Peace and Love” poiché, a mio parere, per quanto siano fastidiose determinate scene di violenza di tutti i tipi, questo insegna anche. E vorrei sottolineare a chi dice che in quella fascia oraria ci sono bambini che possono guardare la televisione: la generazione si sta evolvendo e al giorno d’oggi ciò che non si apprende attraverso i propri genitori o sui libri, ciò che non si apprende attraverso la televisione, si apprende sui social network o sui siti porno, tanto che su Facebook vedi ragazzini di poco più di dieci anni che mettono mi piace alle pagine della Durex oppure che già conoscono chi è Rocco Siffredi, il perché è famoso e cosa è il porno.

 

No, continuo a credere che non siano queste serie televisive ad aumentare i casi di stupro o violenza.

4

Spero solo che queste parole non vengano fraintese e si capisca il loro vero senso. Non sono a favore dello stupro, da nessuna parte, ma se ci si lamenta per quello ci si deve lamentare anche degli omicidi presenti praticamente in ogni singolo istante televisivo. E non trovo che ci sia da lamentarsene se tutto viene fatto con l’estrema minuzia dei dettagli come è stato fatto da Diana Gabaldon che non dà niente gratuitamente. E neanche i produttori che hanno ben scelto dove far rivolgere l’attenzione e dove non. Da sottolineare che le uniche scene di nudo integrale sono di BJ e non ci si sofferma neanche più di tanto. Quindi, onestamente, sarei grata al mondo dei giornalisti italiani e dei media, se “Outlander” non venisse paragonato a “Il trono di Spade”, perché non si fa spettacolo alcuno sulla violenza e non è neanche gratuita dato che possiamo praticamente sintetizzarla in tre scene: le frustate fino a “scuoiarlo”, la mano pestata e inchiodata e lo stupro. Stupro che, oltretutto, trovo molto più psicologico che fisico ma c’è anche quello.

5

Tante vacche per tante vaccate.

 

Detto questo, passiamo alla critica del doppiaggio dell’ultima puntata, “Riscattare l’anima di un uomo”. Titolo azzeccato.

 

Dopo che Dugal informa Cler che Geimi si trova nella prigione di Uenfuort, Martagh scopre come riuscire ad entrare nella prigione.

 

Iniziamo con un primo piano di BJ che finalmente è soddisfatto e non rompe più le palle a nessuno. Un primo piano che poteva anche essere messo un po’ più in alto. Ma proseguiamo con «Tre acclamazioni per Re Giorgio!» e finiamo con «Perdonatemi per l’interruzione, volete del tè o posso far partire il carro?» con l’oscena voce di Rupert. Mhm, io avrei aggiunto dei pasticcini, visto che c’eravamo. Devo dire poi che il pathos che ci mette il BJ italiano quando gli dice «Urla!» è proprio intenso… non saprei cosa dire. La stessa intensità che una persona potrebbe mettere nel dire “Passami la bottiglia dell’acqua…”. La stessa vivacità di BJ nella gif sottostante.

6

Visto che è l’ultima puntata, non potevano limitarsi ad una sola transizione nella musica, quella finale, ma ce ne hanno regalato ben due in più! Una nel bel mezzo del telefilm e una quasi alla fine. Quale onore! Nella terza, non che ultima, si sono proprio superati. Sicuramente ci si saranno messi in tre per farla così brutta a muovere a caso i tasti dell’equalizzatore. “Questa andava quasi bene, ma dacci dentro di più con la distorsione al prossimo! Ottimo lo sferragliamento, continua così!”. Cito le testuali parole di un gran fan di Outlander, quello che secondo lui hanno detto mentre lavoravano sulla musica. Non lo trovate perfetto?

 

«Ehi. Go on.» dovrebbe essere “Ehi, andiamo…”, per quanto a Murtagh venga ceduta la borraccia, nel parlato non si menziona nulla riguardo al bere ma, nonostante non si legga neanche il labiale, viene scelta come traduzione «Tieni, bevi!». Ah beh.

 

Ringraziamo però per tutto il discorso in gaelico. Non è una scelta della produzione ovviamente, anche perché praticamente nessuno capisce ciò che dice. No, non è stata per bontà, sia chiaro. Ma tutta la meraviglia scompare quando doppiano il pianto di Jamie che con Sam praticamente non si sente… in italiano invece si sente eccome ed è pure osceno.

 

Avete presente, al minuto 34 circa, quando Willie piomba in camera di Jamie e quest’ultimo chiede il pugnale all’amico? «Now hand it over.» «No.» «Give it to me!» «No, I won’t!» che dovrebbe essere tradotto con «Dammelo e basta.» «No.» «Dammelo!» «No, non lo farò!», tralasciando il fatto che “Blade” viene tradotto con “coltello” e in realtà sarebbe “lama” dato che quello è un pugnale ed è un po’ diverso da un coltello, tralasciando la voce a dir poco oscena – anche questa – di Willie, di cui avevamo già parlato nelle precedenti puntate, con la trasposizione in italiano sembra che Willie dica – nonostante sia giusta – «No, no, no e no! Brutto cattivone, mascalzone impertinente! Sciocchino!». Scusate ma a me è venuto in mente solo questo e sono scoppiata a ridere. Truly.

 

Il nostro Martagh è un uomo dal cuore tenero che risponde «Sì» ad un «No» che ovviamente era “Aye” e che sarebbe stato tradotto meglio con un “Certo/ovvio” se proprio dovevano tradurre, si preoccupa facilmente per la nostra amata Cler, tanto che quando lei sviene e si riprende… beh, questo è il discorso. «Who! Who, who, who… ye collapsed like a sack of grain. Scared the pish right out of me» che dovrebbe venir tradotto con «Who! Who, who, who… sei crollata come un sacco di grano. Mi hai fatto cagare sotto dalla paura» viene tradotto con un bel più fine e discreto, non che delicato, «Oh! Aspetta, aspetta… ti sei afflosciata come un sacco vuoto. Me la sono fatta sotto dalla paura». Ora tralasciando la finezza – e noi sappiamo che Murtagh non è poi così fine, men che meno qui, tanto che si scusa con il frate, perché il sacco è stato svuotato? Chi se l’ha mangiato tutto il grano, eh? Ditecelo! Ladri!

 

Alla fine comunque si arriva alla rivelazione di ciò che è successo con BJ. Copio l’intero dialogo solo perché a mio parere è uno dei più belli e poi… è l’ultima puntata e dato che non ho avuto modo di copiarne altri, ecco qui.

 

J: «I cannot be your husband any longer. And I will not be less to you»

C: «You did what was necessary to survive. That’s all.»

J: «No. No, he broke me. He broke me, Claire. He knew it. We both did.»

C: «You belong to no one else but me. And I belong to you. Nothing will ever change that.»

J: «Those are just weak words, Claire. I lie here, feeling I will die without your touch, but when you do touch me, I want to vomit with shame.»

C: «No! You are my husband, James Fraser. How dare you give up on me now! You swore to me, you, you promised me the… The protection of your body if need be. Well, Randall had your body, but I’ll be damned if he has your soul as well! You’re mine. And we are meant to be together. It’s the only explanation I have for all this. It’s… the only way I can wrap my mind around what’s happened all these past months. It’s all been for you and me. But if you take away the one last thing that makes sense to me, and I will die. With you, right here, now.»

J: «Mo nighean donn…»

 

 

Ora tradotto sarebbe:

«Non posso più essere tuo marito. E non voglio essere niente di meno per te.»

«Hai fatto il possibile per sopravvivere. Tutto qui.»

«No. No, lui mi ha spezzato. Mi ha spezzato, Claire. Ne era consapevole. Lo eravamo entrambi.»
«Tu appartieni unicamente a me. E io appartengo a te. E niente cambierà questo.»

«Queste sono soltanto inutili parole, Claire. Giaccio qui, pensando che morirò senza il tuo tocco, ma quando mi tocchi, mi viene da vomitare per la vergogna.»

«No! Tu sei mio marito, James Fraser. Come puoi smettere di credere in me proprio adesso! Me l’hai giurato, tu, tu mi hai promesso la protezione del tuo corpo, se necessario. Bene, Randall ha avuto il tuo corpo, ma che io sia dannata se ha avuto la tua anima! Tu sei mio. Siamo destinati a stare insieme. E’ l’unica spiegazione che ho per tutto questo. E’… l’unica cosa a cui posso aggrapparti per spiegare ciò che è successo in questi mesi passati. E’ successo tutto per te e me. Ma se porti via l’ultima unica cosa che ha senso per me, e allora io morirò. Con te, proprio qui, ora.»

«Mo nighean donn…»

 

Ora tralasciando le varie sfumature su cui ci si può passare sopra, perché il cambiare le due parole “broke”, dandogli due significati diversi “spezzato” e “distrutto”? «Come puoi smettere di credere in me proprio adesso!» che viene tradotto con «Non osare arrenderti ora…», senso ben diverso no? «Bene, Randall ha avuto il tuo corpo, ma che io sia dannata se ha avuto la tua anima!» si va molto più sul soft con «Randall ha preso il tuo corpo ma non permetterò che abbia anche la tua anima…». Ehi, qui si parla di dannazione, mica cosa leggera, che cavolo! Concludiamo con un bellissimo «Mo nighean donn», che tanto per cambiare qui sicuramente hanno lanciato il dado ed è uscito positivo al lasciarlo in gaelico. Ma non potevano fare tutto completo con la voce di Sam… no l’hanno doppiato!

7

Concludo questo lunghissimo articolo, con l’ultima traduzione che riguarda Bonnie Prince Charlie, il pretendente al trono scozzese.

«The rising starts with prince Charles. And right now, the Bonnie Prince is in France…». Non potevano ovviamente lasciarlo così quindi hanno ben deciso di tradurlo con “il giovane pretendente”… Why? «Murtagh assures me that once we’re underway, you’ll be too seasick to have a conversation.» ovvero qualcosa del tipo «Murtagh mi ha assicurato che una volta che saremmo stati lontani, avresti avuto troppo mal di mare per avere una conversazione». Nella trasposizione si sono dimenticati il mal di mare ma ci si sofferma solo sulla sofferenza. Beh, sapevatelo! Jamie Fraser soffre il mal di mare! E poi un «Are you happy?» quando gli dice che è incinta, e che sarebbe stato un tranquillo “Sei felice?”… beh, gli si aggiunge un “Non”. Ok, il concetto è lo stesso, però… comunque il nostro Highlander risponde di sì. «Sono davvero molto felice, Sassone!».

Lui lo è, noi un po’ meno. Ovviamente per l’insieme. E perché Outlander-Stagione 1 è ufficialmente finito.
Comunque sia, nonostante tutto, nell’ultima puntata si sono contenuti e di molto pure. Come dice padre Anselm, «ma che cosa meravigliosa! E’ straordinario! Un miracolo, forse!». Io non credo ma se la seconda stagione continua così, magari convertendosi finalmente e completamente al Gaelico e mettendo il nostro tanto bramato “Sassenach”, allora possiamo perdonare ed essere più buoni. Beh, mi auguro davvero che sia così, anche se in questo modo non ci sarebbe nulla di cui lamentarmi. Tuttavia, se così non sarà, mi avrete nuovamente con voi, più lamentosa che mai.

8

E’ giunta l’ora di chiudere questo lunghissimo articolo che ha toccato più punti e forse intenso ma d’altronde è l’ultimo e forse non ne vedremo più. W l’ottimismo! Vi ringrazio tutti, lasses agus lads, per la pazienza e per l’esservi arrabbiati e divertiti con me. Ringrazio in particolar modo chi mi ha spinto a fare richiesta alle admin di creare questa “rubrica”, poiché è una cosa che mai avrei fatto. Ringrazio chi mi ha supportato e sopportato e ringrazio davvero le admin per la tanta pazienza e per la loro gentilezza. Un abbraccio sincero come quello tra Jamie e Claire. Grazie di cuore.

9

Ora, come fa Jamie, anche se in casi migliori, tutti a bere! Siamo in quelle condizioni solo per lo sfinimento e per il caldo. Oh, e ovviamente tutti a riguardare le puntate in originale, anche coloro che le hanno viste in italiano.

10

La vostra Noemi,

 

DINNA FASH AGUS SLAINTE MHATH.